martedì 21 marzo 2017

Dune, la Carta e l' E-book


Qualche anno fa chiacchierando in chat con un amico, troppo presto scomparso, gli dissi che non avevo mai letto Dune di Herbert  perché non possedevo il libro, non mi era mai capitato di comprarlo usato e non avevo poi tutta sta voglia di leggerlo. Ricordavo di aver visto un pessimo film anni addietro che mi aveva convinto a non considerare Dune come qualcosa di leggibile.
Be', dopo qualche giorno, inaspettatamente mi arrivò a casa una copia di Dune.
Una edizione Euroclub del 1985, ben messa ma ovviamente usata. Ringraziai il mio amico e gli promisi di leggerlo quanto prima.
Il quanto prima diventò un bel po' dopo ma alla fine aprii il libro. Non so dire quante pagine ne lessi ma certamente poche, pochissime. 
Pagine giallicce, caratteri piccolissimi, odore di vecchio non mi invogliavano per niente, così finì sul ripiano alto e amen.

Qualche giorno fa nella mailing list della Kobo vedo Dune in offerta a 1,99 e senza pensarci troppo lo compro. 
clicca per ingrandire

Questa è la differenza, la ragione per cui in tre sere ho letto più della metà di questo romanzo. Su Dune non dico nulla, ormai credo che sia stato detto tutto e sarebbe solo una ripetizione non necessaria. 
Dico solo che, nonostante mi faccia piacere "possedere" fisicamente un libro di carta, vederlo sul ripiano della libreria, prenderlo in mano per cercare un passo particolare, guardare la copertina come si guarda un dipinto, nonostante questo preferisco mille volte leggere su un e-reader.
Per questo, quando è  possibile, compro sia il libro di carta che l'e-book perché uno resterà qui, davanti i miei occhi e potrò toccarlo fin quando avrò voglia, l'altro sarà disponibile solo fino a quando avrò un dispositivo per leggerlo.

mercoledì 14 settembre 2011

TOXIC@

Torno a parlare di uno scrittore, un amico, che in pochi anni è cresciuto in maniera esponenziale: Dario Tonani. Il suo ultimo romanzo, Toxic@, pubblicato in Urania Mondadori 1574 è la continuazione ideale di Infect@ uscito nel 2005 sempre in Urania. Romanzo che me lo ha fatto conoscere e che, nonostante io non ami il genere, mi era piaciuto moltissimo. Ebbene dopo la prova in crescita de L'algoritmo bianco eccolo di nuovo a stupirmi e farmi bruciare pranzi e cene!
Dalle prime pagine sono rimasta incatenata: "ancora una pagina... solo fino alla fine del capitolo... ancora due righe per vedere come sviluppa..." e intanto dai fornelli si levava fumo e odore di bruciato.
Dario, mi devi una pizza! Io a te , invece, devo dei ringraziamenti. Per avermi appassionata con la tua sporca, unta, puzzolente Milano. Con i tuoi +Toon a volte brutali, a volte vittime. +Toon che sono diventati 'personaggi' non comparse, che ti fanno sentire a volte sfruttatore e consumatore, e a volte ti impauriscono, nuovi alieni diversi da te, da evitare, da eliminare, da cancellare.
La retrocopertina di Urania fa una sintetica sinossi del romanzo: dopo alcuni anni, forse sette dalla prima comparsa delle droghe che si assumono per via retinica, i +Toon, si è sviluppato un morbo, una mortale infezione che si propaga da cartone a uomo, un pezzo di Milano è stato colonizzato dal Magma, un blob di cartoni morti e in putrefazione, e ribattezzato Wet City, e un misterioso Mescolatore sta cercando di creare una nuova divinità unendo pezzi di cartoon e di esseri umani in un orrendo patchwork. Al commissario Montorsi ed al suo vice Mushamar, che già abbiamo incontrato in Infect@, il compito di ristabilire l'ordine. Una figura femminile (omaggio alle tante lettrici tue estimatrici?) si prende una bella fetta di avventure, non tutte senza conseguenza per lei. Ahhh Dario! me l'hai trattata duramente Cora, cacciatrice di +Toon infetti! Be' che dire... finita la mia razione di pagine sentivo il bisogno di fare la doccia, dopo aver navigato nella Wet City: piogge o nevicate non acide come ci si potrebbe aspettare ma colorate di chine variopinte, un sole aggiunto che non è altro che una parte di un cartoon, uno irriverente e dispettoso! Son finiti i tempi di Betty Boop enorme e ingenua che camminava tra i grattacieli di Milano. E poi untume, appiccicume, puzzo tutto mescolato nel magma semi senziente, che già viene adorato come oracolo da una schiera di drogati e creduloni.
Il romanzo è da leggere! L'unico neo è soltanto la breve vita di un Urania, un mese e via, sparisce dalle edicole e si può trovare solo sulle bancarelle. Ma io credo che, come è successo per Infect@, sarà molto difficile trovare Toxic@ in bancarella perché chi lo comprerà lo custodirà gelosamente! Di nuovo grazie Dario per le ore di svago che mi dai con i tuoi romanzi.


domenica 27 febbraio 2011

La Città

La porta si chiude alle sue spalle con un tonfo soffocato, scende in fretta le scale ed esce dal portone, infilando veloce il vicolo che porta alla piazza principale della Città. Il gelo la morde feroce, nonostante il pesante parka e il cappuccio che le copre i lunghi capelli neri raccolti in una coda da un nastro di velluto. La figura snella della ragazza si staglia scura nel lucore incerto dell'alba mentre cammina, piegata in avanti per contrastare il forte vento, sulla neve sporca che ricopre ormai da mesi le strade della Città. La piazza è deserta, unica presenza l'uomo di neve che sembra la guardi con scherno. Alys alza gli occhi e guarda i ghiacciai che stringono la Città in una morsa e ogni giorno si avvicinano di più, si incammina lentamente verso quello che era il porto e che è ormai sepolto da giorni sotto il bianco manto. La neve ghiacciata scricchiolasotto gli stivali imbottiti, si intabarra meglio nel parka e alla luce smorta di pochi superstiti lampioni arriva al lungo mare cercando di distinguere dove inizia l'acqua, ma ormai anche il mare è di ghiaccio. Dietro di lei una porta sbatte ritmicamente contro lo stipite ad ogni folata più intensa di vento, si volta e vede il negozietto del tatuatore ormai abbandonato da settimane; la neve è entrata e copre una parte del pavimento, le impronte di piedi e i vetri rotti le raccontano di saccheggi e violenza. Si allontana col cuore gonfio di pena cercando i luoghi dove è stata felice per salutarli un'ultima volta prima di partire. Il ghiaccio è sceso fino a mangiare il pub, di cui non restano tracce, anche la fabbrica di armi, imponente e massiccia come era, adesso è un mucchietto di macerie che sporge dalla neve. Verso il centro della Città alcune insegne luminose restano a segnare luoghi dove c'erano i negozi, dalle entrate sbarrate da assi male inchiodate: Glamour, Uomo, Beach... Alys si avvicina alla vetrina del Donna, miracolosamente il vetro è rimasto intatto, sbircia dentro: una devastazione di scatole sventrate e lasciate in terra vuote, i divanetti con le fodere squarciate, i bei vasi spaccati col terriccio che ha fatto mucchietto in terra e le piante che tanto le piacevano ormai secche. Trattiene un singhiozzo e va verso il laboratorio, camminando lenta e a testa bassa. Con gli occhi della mente vede la strada come era un tempo, il liscio asfalto nero, i marciapiedi spazzati ogni mattina, il tunnel bene illuminato. Ora nella galleria le luci lampeggiano fievoli, i marciapiedi sono crepati e la strada butterata di buche insidiose; si infila nel tunnel e cammina svelta, qui non c'è neve sporca o lastre di ghiaccio, fino a sbucare dall'altra parte della Città sul ponte che attraversa quello che era un canale ed è ora un fiume di ghiaccio. A destra la discoteca è ancora in parte illuminata dalle strobo, la ragazza ricorda la musica a palla, le risate e il rumore delle conversazioni quando la Città era viva, si incanta a guardare le luci che si fanno sempre più incerte ora che il sole sta per sorgere.

  • E tu cosa fai qui? - la voce, ben conosciuta la fa sobbalzare, si gira e sorride timida all'uomo che è sulla porta del laboratorio. - Dovresti essere partita, come tutti. - continua lui con tono di disapprovazione.

  • Ciao Max... un ultimo giro in Città, ma ora vado.

L'uomo, infagottato in un parka grigio che nasconde le forme del corpo la guarda con occhi seri - Non dovresti Alys, quando si decide non bisogna voltarsi indietro. Mai. Ormai la Città è morta, inutile farsi del male.

  • Ma tu anche sei qui Max - replica lei sentendosi quasi in colpa per non essere partita con tutti gli altri, per essersi nascosta per giorni e giorni in Città, cambiando casa man mano che il ghiacciaio mangiava quella dove aveva dormito fino ad arrivare al cuore ormai freddo di... della Città. Un pensiero fuggevole le passa nelle mente: la Città non ha mai avuto nome, era solo la Città.

Io sono tornato stamattina per minare i palazzi Alys, perché qui non rimanga più nulla... - Le si avvicina e la abbraccia teneramente. - Hai corso un bel rischio piccola! - La ragazza lo stringe forte e poggia la testa sul petto di Max trattenendo le lacrime.

  • - Perché, Max? Lasciala morire in pace, lascia che il ghiaccio e la neve la ricoprano con un sudario bianco, lascia che i fantasmi di ieri la abitino per sempre ma non distruggere... tutto questo - indicando con un gesto del braccio i palazzi, le strade, i parchi. Max le solleva la testa mettendole la mano sotto il mento, gli occhi di lei sono gonfi di lacrime, la guarda con dolcezza e le bacia le labbra delicatamente.
  • Ora vai piccola, ho molto lavoro da fare oggi, ti raggiungerò stasera, e saremo in un posto caldo, senza ghiaccio o vento gelido e... si ricomincerà.

Alys lo guarda speranzosa, un nuovo inizio, una promessa, andrà senza voltarsi indietro. Si stacca dall'abbraccio a malincuore e si dirige verso l'ingresso della sotterranea, senza salutare Max, senza una parola, il cuore spaccato a metà tra il desiderio di restare e quello di partire per tornare a sognare.Nel buio della stazione alcune frecce debolmente fluorescenti la guidano verso le capsule individuali, sale sulla prima e senza nemmeno sedersi schiaccia il pulsante di avvio. Senza più lacrime lascia la Città.



sabato 12 febbraio 2011

San Valentino

San Valentino... Mai dato importanza a questa data, o forse quando ero ragazzina e sognavo rose rosse e cioccolatini. Strano ma poi le cose che hai sempre snobbato, guardato con aria di sufficienza diventano improvvisamente importanti, sei alla ricerca di conferme, di sicurezza, di considerazione. E così una festa che hai sempre giudicato consumistica, inutile, stupida diventa un giorno di attesa, di speranza di domande. Si ricorderà? Mi darà almeno un bacio? E intanto sai che non ci sarà nulla di diverso dal solito... abbracci accennati, parole che sono sempre le stesse, sguardi distratti e rassicurazioni che ti vuole bene, che non hai bisogno di conferme, che "quante volte devo ripetertelo", che "tu per me sei... " che "non potrei stare senza di te..." Per questo San Valentino niente rose o cioccolatini per me; tutto quello che cerco e che voglio è solo amore, in qualsiasi forma affettiva sia. Buon San Valentino amore mio.

domenica 6 febbraio 2011

L'Amore fa male


Alla luce livida dell'alba la vecchia si alza dal giaciglio di stracci e coperte rosicchiate dal tempo e guarda con indifferenza fuori del buco che chiama finestra e che è appena coperto da un foglio di plexiglass inchiodato al cemento crepato del muro; la neve brilla di una leggera fluorescenza, come succede quando i venti spirano da est, dalle Terre Morte. Infreddolita si rincantuccia accanto alla vecchia stufa di metallo, unico oggetto prezioso che possiede, e guarda pensierosa intorno cercando qualcosa da bruciare. Nella piccola stanza sono accatastate sedie rotte, assi, rametti, cassette di legno, pezzi di cuoio e legno senza forma, raccolti pazientemente l'estate precedente per bruciarli quando il gelo si sarebbe fatto insopportabile. Lo sguardo le cade su una cassetta tarlata dal coperchio ancora chiuso, con fatica si leva in piedi e presala per un angolo la trascina accanto alla stufa. La donna passa la mano disseccata attorno al bordo e fa scattare la chiusura solleva il coperchio e guarda senza emozione le carte custodite lì da chissà quanti anni. Prende manciate di carta e le infila nella bocca aperta della stufa, poi con un pezzo di legno grosso e pesante fa a pezzi il contenitore gettando tutto insieme alle carte. Si fruga in tasca e trovato l'accendino con attenzione dà fuoco al combustibile pregustando il calore temporaneo che riceverà. Vede un pezzo di carta ingiallita che le è sfuggito e lo raccoglie poi, presa da un impulso inusuale lo avvicina agli occhi acquosi e legge:

...ti avevo avvisato! Non dirmi che non l’avevo fatto. Te l’ho ripetuto più di una volta ma tu niente, tu non mi hai ascoltato. “Non innamorarti di me” ti dicevo, “l’amore fa male”. E tu che non avevi mai amato prima non sei scappato via da me, no tu mi hai fatto innamorare di te. Ma io conosco l’amore e so quello che accadrà. Quello che è già accaduto. Hai conosciuto i sospiri e i silenzi carichi di parole, hai provato le sensazione più intense proprio all’inizio, proprio la prima volta che ci siamo ‘ascoltati’. Ricordi la prima telefonata? Due minuti col fiato corto senza poter parlare, incapaci di dire una sola parola, con il cuore che alternativamente cercava di uscire dal petto e correre attraverso il niente verso il tuo cuore o si fermava d’improvviso scendendo fino in basso, fino a sentire una tensione sconosciuta giù nel posto dell’amore. E hai conosciuto il volo impazzito di mille farfalline dentro di te, nella pancia e la testa piena di nuvole, hai conosciuto le sensazioni più belle, e ogni volta che chiudevi il telefono hai conosciuto il senso di perdita di un bimbo che resta solo. Adesso sai cosa fa male quando si ama. Fa male terminare una conversazione, restare soli, fa male sentire la mancanza dell’altro anche se sai che è per poco, pochissimo tempo. Fa male sapere che è lontano che non puoi toccarlo, guardarlo negli occhi, sentire il suo odore, il suo calore il suo sapore. Fa male, amore mio, adesso lo sai. Ed hai conosciuto altre sensazioni anima mia… il morso acuto della gelosia. Tu non sapevi cos’è vero? Sì, certo immaginavi, magari comprendevi ma non ti era mai capitato prima di affrontare questa bestia dai denti aguzzi e dalle unghie affilate. Ed hai cercato di domarla la bestia, ma stai attento, è infida e bastarda e prima o poi tornerà, quando sarai stanco, quando avrai dubbi, quando meno te lo aspetti la gelosia tornerà ad avvelenarti il cuore. I dubbi… chi non ne ha? Ma questi sono diversi, questi fanno male, adesso hai bisogno di rassicurazioni. Sempre. E anche il dubbio è parte dell’amore, amore mio. E posso dirti cosa forse accadrà. Imparerai a modificare e poi a nascondere i tuoi sentimenti e lo farai per amore. Imparerai anche a mentire per amore, a negare di essere geloso, a celare le tue paure, paura di restare solo, paura di lasciare solo l’altro. E ti farà male. Però dolcezza mia, avrai in cambio tutto l’amore che puoi tenere nel tuo cuore, avrai una donna tutta per te, avrai un’amica, una moglie, una sorella. Avrai una puttana e una schiava e sarai l’unico ad avere la chiave del suo cuore. Ti basta per compensare il male che fa amare? Ti basta averla solo da lontano, avere solo la sua voce? Ti basta poterla incontrare, chissà, forse una volta soltanto? Certo la realtà, la fisicità sarà meno coinvolgente delle nostre fantasie, lo sappiamo tutti e due, ma sarà ‘vera’ saremo finalmente di carne e sangue e respiri e lacrime. La nostra storia è bella, amore mio ed è una storia pulita anche se ci sono altre persone accanto a noi, e ancora una volta fa male l’amore, fa male veder soffrire chi ci sta vicino, chi amiamo un po’ o molto. Ti avevo avvisato, ma tu non mi hai dato ascolto. E adesso ti amo.”


Quando finisce di leggere dagli occhi opachi scendono lacrime che non pensava più di poter versare; ricorda come era 'prima' forse cinquanta o sessanta anni fa, quando la neve era bianca e non fosforescente, quando amare aveva un senso, quando i sogni erano veri. Accartoccia il pezzo di carta stringendolo forte nel pugno e con rabbia lo scaglia nel piccolo fuoco malato che è tutto il calore che ora può avere.

domenica 30 gennaio 2011

TRIFIDATA ROMANA parte la quarta edizione!

Eccoci! Venerdì 29 gennaio si è riunito, davanti ad un piatto di bombolotti alla gricia, il comitato organizzativo della quarta Trifidata Romana, in persona di Jommy Cross e Doralys che assititi da Morgan, Bruno e Verso e alcune birre, hanno deciso che, a loro insindacabile giudizio, la data di inizio dovrà essere quella del 20 maggio e la chiusura dell'evento il 22 maggio.

Il programma di massima è già stato delineato:
venerdì adunata e caccia grossa, riposino e parca cena
sabato gita a sorpresa e sontuoso banchetto
domenica di nuovo caccia grossa a Porta Portese con finale strappalcrime di bacini e saluti.

Le prenotazioni saranno raccolte su Uraniamania da Jommy Cross. La partecipazione è libera per tutti gli amanti della fantascienza, Uraniamaniaci e non; per i romani e per chi arriverà dal grasso nord o dal caldo sud (Salvoooooooooooo!!!!!!)

venerdì 29 ottobre 2010

Un racconto di Guardiani

La donna si stringe nello scialle di lana pesante e guarda fuori della finestra, la neve fresca la abbacina, illuminata da un sole che non scalda più. Torna al tavolo di cucina dove ha già sistemato un foglio di carta e una penna, si siede e dopo aver sfregato le mani per scaldarle prende la penna, ne mordicchia l'estremità radunando i pensieri che le svolazzano nella testa come rondini, acchiappa sfilacci di idee e le riordina, poi inizia a scrivere una favola che non racconterà mai.

******

Mariposa vola. Ha volato per giorni e settimane e mesi, sempre più in alto, sempre cercando il limite delle sue forze. Ha volato oltre il suo mondo, passato i portali luminosi di innumerevoli altri luoghi. Mariposa, la splendida farfalla dalle delicate ali variopinte, intessute con fili di vanadio sottili come capelli, dopo che ha lasciato la sua amica Pam, la Guardiana, ha volato e imparato. I mondi che dall'alto ha osservato non sono diversi da quello che ha lasciato. Quello grigio ed essudante dolore e lacrime, il posto al quale apparteneva, dove ancora torna a riposare, tra i rami nodosi del vecchio albero contorto e morente. I mondi sono pieni di lacrime, pensa Mari, lucenti e colorati, profumati e pieni di musica di fuori ma sotto, sotto il velo che li ricopre Mari ha visto dolore, miseria, malvagità e malattia sparsi a manciate, il profumo ad aspirarlo forte diventa odore di morte la musica è lamentosa richiesta di aiuto. Ora Mari torna a casa, passa il nero portale e atterra leggera sul suo albero, le ali fremono un poco poi restano ferme mentre con la mente accarezza l'essenza del vecchio tronco. Saluta il suo amico perché ha preso una decisione, una che le fa male e la riempie di gioia allo stesso tempo. Lascia i rami intricati che l'hanno accolta e protetta per tutta la sua esistenza, se ne va con dolore verso una felicità che aspetta trepidando. Il vecchio albero non accetta le sue carezze, le estremità sottili dei suoi rametti sferzano l'aria cercando di trattenerla, di colpirla, fino a che spaventata ma risoluta si alza di nuovo in volo e lascia per sempre la sua casa.

***

È dinnanzi a Pam, la Guardiana, ora. Come le altre volte la donna la guarda con benevolenza nascondendo l'affetto che prova per lei dietro parole neutre e gentili.
-Cosa ti porta nell'Altrove, Mari? - le chiede quando la vede atterrare leggera davanti a lei. Ne ammira la grazia e la bellezza ma soprattutto l'audacia nel venire qui dove i Guardiani, controllori dei Mondi, hanno il loro posto nascosto e impenetrabile. Mari, col cuore che batte all'impazzata, le parla, le dice cosa vuole. Non cosa vorrebbe, ma cosa vuole con tutte le sue forze.
Gli occhi di Pam diventano lame di ghiaccio la voce un sibilo: -Perché? -
Mari, spavalda e determinata, sostiene lo sguardo della Guardiana - Cosa vuoi Mari, perché gettare via le tue ali che con tanto dolore hai ottenuto? Cosa ti spinge dunque? Vuoi il Potere? Il Potere dei Guardiani? Rispondimi! -
- Ho visto i Mondi, Pam. Ho sentito lamenti e gemiti, odore di morte e malvagità. Voglio aiutare! Non per il Potere, non per mettermi alla prova, no Pam. Voglio aiutare, essere una come te.
Sorride Pam. Finalmente la stringe tra le braccia e accoglie la sua nuova sorella. Con il cuore che canta Mariposa ripiega le ali e veste il nero mantello dei Guardiani.

La donna posa la penna e si alita sulle dita indolenzite e ghiacciate, fuori il sole lascia le ultime lame di luce sulla neve e la cucina è gelata. Senza rileggere quello che ha scritto piega il foglio si avvicina al camino dove occhieggia un po' brace, sistema alcuni pezzi di legno, posa il foglio sulla brace e soffia. La fiamma si alza incerta poi a poco a poco morde i legni mentre la carta diventata scintille sale su per la cappa e va fuori, nel vento, per arrivare oltre il mare dalla sua piccola farfallina che ora veste di nero.


(per Mariposa: una volta mi hai detto se scrivi quando stai male non scrivere mai più...)

giovedì 30 settembre 2010

*** Giovedì 14 ottobre 2010***

È giunto il tempo per Alys. In una fredda mattina di mezzo autunno lasciano la casa sul mare di Klees e salgono in montagna, al 'laboratorio' di Kohime. La prima neve ha già sporcato le strade di una spolverata di bianco che presto si tramuta in fango e l'aria gelida fa rabbrividire la ragazza che si stringe a Klees appena ne ha l'opportunità.
- Bene, siete puntuali! -esclama il professore quando i due entrano nello stanzone adibito a laboratorio.
Klees lo saluta con fare distratto perso in un pensiero sfuggente che cerca di riacchiappare, sentendo che è importante e vitale, mentre Alys timorosa e ancora non del tutto convinta si avvicina a Kohime ed esala un 'Buongiorno Professore' quasi inudibile.
- Vieni, cara. Ormai è tutto pronto, manchi solo tu - fa un sorrisetto incoraggiante e le mette la mano sulla spalla accompagnandola alla sua 'macchina'.
-Ora devi fare esattamente ciò che ti dirò, Alys. Questa è la documentazione che darai al mio io del passato e solamente a lui - le dice severo mettendole a tracolla una pesante sacca. - Ho dovuto stampare tutto quanto perché i supporti di archiviazione di adesso, pen drive e dvd non esistevano allora. - poi le ripete di nuovo - Non consegnarla a NESSUNO altri che a me. quando arriverai sarà nello stesso giorno, a un minuto di distanza, quindi secondo quello che mi hai raccontato sarai sola. Andrai immediatamente a casa mia, nella sacca c'è l'indirizzo, e mi racconterai tutto quello che è successo. Poi tornerai nel tuo alloggio e aspetterai il tempo necessario perché tu possa tornare qui con noi.
Alys annuisce ad ogni istruzione, lanciando di tanto in tanto occhiate a Max che sembra distratto e pensieroso. Kohime conclude il suo discorso con un -Bene, ora salutatevi, poi iniziamo.
Max si riscuote dai suoi pensieri, si avvicina alla ragazza e la abbraccia. Le avvicina la bocca all'orecchio e le sussurra - Alys non andare, resta con me. Ti prego, piccola. Ho paura che sia pericoloso. Lascia questo vecchio ai suoi esperimenti e torna a casa con me...
Alys gli chiude la bocca con un bacio e lo stringe tra le braccia con passione poi si stacca da lui con un - Tornerò, non ti libererai di me. Mai! - e va verso la macchina che ronza e ticchetta da qualche minuto. Sale sulla piattaforma, come è simile a quella che la portò, qui!, e posa la mano sulla leva guardando il professore con aria risoluta.
-Buon viaggio Ays! Aziona la leva. Ora! -

dal Gazzettino del Piemonte: Esplosione in una casa isolata nei pressi di Lurisia. Due morti e un disperso, le cause del disastro non sono note, ma sembra che si sia sviluppata una enorme energia cinetica che ha eiettato rottami a decine di metri di distanza. I corpi non sono stati ancora identificati, ma si presume che uno sia del proprietario della casa. I rilievi per scoprire le cause della tragedia sono in corso.